Il difficile momento, nella stagione 2014-’15 della Pasta Reggia, inutile nasconderselo, passa senza dubbio anche per il dramma socio-economico-occupazionale di Caserta e provincia. Uno stallo che appare irreversibile, se non addirittura destinato ad un ulteriore deterioramento. Mi spiego…

Caserta, 104^ in una classifica di 107 comuni italiani.
Caserta, 104^ in una classifica di 107 comuni italiani.

L’indagine del Sole24Ore – puntuale ogni fine d’anno – conferma che, su 107 comuni ‘verificati’, Caserta si attesta al 104° posto in classifica, in perdita di una posizione. Senza considerare che, oltretutto, Caserta è un comune in dissesto finanziario. Meglio di noi, addirittura Avellino e Benevento. Allora, in un tale quadro deprimente non riesco a spiegarmi una cosa: che senso ha oggi, a Caserta, insistere nel coinvolgimento della politica nelle difficoltà agonistiche. Cosa si spera, concretamente, di ottenere? Quale credibilità? Quali utili proposte da quella sponda?

La ricerca del Sole24Ore, però, non finisce qui, e c’è altro su cui riflettere:
– il tasso di occupazione sfiora il 40%. Vuol dire che c’è un potenziale 60% senza reddito (attenzione, da considerare i percettori di reddito ‘a nero’), quindi un esercito di gente che NON consuma. Consideratene le implicazioni;
– Caserta è ultima per presenza di asili, sostegno all’infanzia e/o servizi equipollenti. Senza tener conto delle famiglie aventi diritto, ad es: le cedole librarie, che non saranno mai incassate per mancanza di fondi. Senza tener conto dei tanti debiti che la ‘municipalità’ ha contratto con il sistema impresa, ad oggi ancora insoluti; a meno che il creditore non accetti l’abietta proposta di scontare del 50% le proprie spettanze;
– Caserta è tra le ultime in classifica, tra le peggiori città italiane per qualità di vita e condizioni economiche generali. Strade piene di buche, mediocre smaltimento dei rifiuti, enormi difficoltà nel riconoscimento dei sinistri in cui è responsabile la Città. Le aliquote IMU, e degli altri tributi locali, ai massimi di sempre anche in ragione del già citato dissesto. E mi fermerei qui: i dati condivisi penso siano già sufficienti per procedere a delle considerazioni sul futuro della città e della nostra provincia. Proviamo a rifletterci facendo un semplice gioco di ruolo;
mettiamoci nei panni di un imprenditore che vorrebbe investire. Secondo voi, quali concreti vantaggi ci sarebbero a scommettere geograficamente su di noi? Quali le garanzie da parte di istituzioni e fiscalità? Insomma, quali potrebbero essere le sue ‘motivazioni d’acquisto’ a bocce ferme? A mio modesto parere, ve ne sono pochissime.
E sfido chiunque a dimostrarmi il contrario; un’economia in pieno stile feudale, quasi oligarchica, che tiene fuori giovani e idee vincenti. La débâcle della pallacanestro è solo la cuspide, la punta estrema di un declino iniziato già molto tempo prima. Impossibile, per un uomo solo, pensare di far fronte ai costi di una stagione professionistica. L’attuale ‘Proprietà’, ed il main sponsor Pasta Reggia, non possono da soli sostenere la competizione nella massima serie, garantendo qualità del gioco. Difatti stavolta si è toppato di brutto, e si è dovuto mettere di nuovo mano al portafoglio per rimediare ad una pessima campagna acquisti.
Francamente, non so fino a che punto la Proprietà sia in grado di tenere banco anzi, ad un certo punto credo si debba fare anche un ragionamento di etica d’impresa. Cioè, a conti fatti, tra risorse destinate al basket e ritorni in termini di risultati, il saldo è positivo? Vale la pena proseguire? Le risposte possono arrivare solo da chi ci mette la grana; io posso solo supporre che, in questi giorni, la Proprietà si interrogherà a dovere.
Ultima cosa e concludo: chi mi conosce sa come la penso; a mio avviso, la soluzione per la ‘continuità’ ed un salto di qualità, passa per la creazione di una piattaforma polisportiva che contenga Basket, Volley e Calcio locale. Un modello che preveda sinergia fra: tifosi/soci, imprese locali e servizi integrati con alto valore aggiunto. Senza questo ‘patto’ economico-agonistico-sociale, non credo possa esserci una nuova alba. Il mio più intimo auspicio? “Volalto JuveCasertana!..”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...